banner6

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Chi sono Luigi Einaudi e Enrico Mattei

LuigiEinaudiLuigi Einaudi (Carrù24 marzo 1874 – Roma30 ottobre 1961) è stato un economistapolitico e giornalista italiano, secondo Presidente della Repubblica Italiana.

Intellettuale ed economista di fama mondiale, Luigi Einaudi è considerato uno dei padri della Repubblica Italiana. Suo figlio, Giulio, fondò la famosa casa editrice che porta il suo nome.

Vice Presidente del Consiglio dei ministri, Ministro delle Finanze, del Tesoro e del Bilancio nel IV Governo De Gasperi, tra il 1945 e il 1948 fu Governatore della Banca d'Italia. Dal 1948 al 1955 fu Presidente della Repubblica Italiana. Come Capo dello Stato ha conferito l'incarico a quattro Presidenti del ConsiglioAlcide De Gasperi (1948-1953), Giuseppe Pella (1953-1954), Amintore Fanfani (1954) e Mario Scelba (1954-1955); ha nominato otto senatori a vita, nel 1949 Guido Castelnuovo e Arturo Toscanini (che rinunciò alla nomina), nel 1950 Pietro CanonicaTrilussaGaetano De Sanctis e Pasquale Jannaccone, infine nel 1952Luigi Sturzo e Umberto Zanotti Bianco.

Non poté nominare alcun Giudice della Corte costituzionale in quanto quest'ultima venne istituita nel 1956, proprio un anno dopo la scadenza del suo mandato, su impulso determinante del suo successore, Giovanni Gronchi.

 

Enrico Mattei2Enrico Mattei(Acqualagna,29 aprile1906Bascapè,27 ottobre1962) è stato unimprenditore,politicoedirigente pubblicoitaliano.

Nell'immediato dopoguerrafu incaricato dallo Stato di smantellare l'Agip, creata nel1926dalregime fascista; ma invece di seguire le istruzioni delGoverno, riorganizzò l'azienda fondando nel1953l'ENI, di cui l'Agip divenne la struttura portante. Mattei diede un nuovo impulso alle perforazionipetroliferenellaPianura Padana, avviò la costruzione di una rete digasdottiper lo sfruttamento delmetano, e aprì all'energia nucleare.

Sotto la sua presidenza l'ENI negoziò rilevanticoncessionipetrolifere inMedio Orientee un importante accordo commerciale con l'Unione Sovietica(grazie all'intermediazione diLuigi Longo, suo amico durante la guerra partigiana e più tardi segretario delPartito Comunista Italiano). Queste iniziative contribuirono a rompere l'oligopoliodelle 'Sette sorelle', che allora dominavano l'industria petrolifera mondiale. Mattei introdusse inoltre il principio per il quale i Paesi proprietari delle riserve dovevano ricevere il 75% dei profitti derivanti dallo sfruttamento dei giacimenti. Pur non essendo attivamente impegnato in politica, era vicino alla sinistrademocristianae fuparlamentaredal1948al 1953.

Per la sua attività Mattei nel 1961 fu insignito della laurea in ingegneriaad honoremdalla Facoltà di Ingegneria (ora Politecnico) dell'Università degli Studi di Bari. Fu insignito anche di altrelauree honoris causa, della croce dicavaliere del lavoroe dellaBronze Star Medaldell'Esercito statunitense (5 maggio1945), nonché dellaCittadinanza onorariadel comune diCortemaggioree post mortem, l'11 aprile 2013 la Cittadinanza onoraria del comune di Ferrandina (MT), dove nel 1958 l'Agip Mineraria fece alcuni studi e trovò il metano nella Valle del Basento.

Morì nel 1962, in un misterioso incidente aereo le cui cause rimasero oscure per moltissimi anni. In seguito a nuove evidenze, nel 2005 fu stabilita la natura dolosa dell'incidente; vennero infatti ritrovati segni di esposizione a esplosione su parti del relitto, sull'anello e sull'orologio di Mattei.Vennero poi alla luce testimonianze, all'epoca quasi ignorate, di persone che avevano visto esplodere in volo l'aereo, come se vi fosse una bomba a bordo, mentre schegge metalliche e tracce di esplosivo[3][4], in particolaretritolo, furono rinvenute, dopo la riesumazione del 1995, sul corpo di Mattei e delle altre due vittimema anche in un pezzo dell'aereo conservato intatto da un dipendente ENI.Queste prove tendono a far considerare l'incidente come unomicidiopremeditato, con alta probabilità, attuato mediante il posizionamento di una carica esplosiva nell'abitacolo, collegata al carrello o alle luci di atterraggio. 

 

Cerca nel sito

segreteria_digitale

urp

italiadigitale